Calcio
Torna alla ricerca
Stavolta vince il Toro
di Mimmo Carratelli
(da: Roma del 29.07.2020)
Preso un gol in apertura da un terzino (DAmbrosio), il Napoli gioca una buona partita a San Siro, ma nella ripresa becca il raddoppio di Lautaro Martinez detto il Toro. Due a zero secco. Lautaro entrato dopo unora al posto di un insignificante Alexis Sanchez. Giocatore decisivo.

Nel Napoli, Zielinski e Insigne hanno trascinato la squadra, ma ancora una volta mancato il gol. Handanovic ha fatto due buone parate. Ma il problema azzurro sempre lo stesso: nessuno la butta dentro. Ancora un negativo Milik. Non ha fatto granch Politano, lex. Molto bene Koulibaly su Lukaku, rimasto a digiuno dopo 23 gol.

I cambi sono stati positivi per lInter (il raddoppio di Lautaro Martinez).

NellInter rientra De Vrij al centro della difesa, gli esterni del 3-4-1-2 sono Candreva e Biraghi, il suggeritore dietro le punte Borja Valero (35 anni), soldato fedele di Conte preferito in partenza ad Eriksen, e con Lukaku in avvio non c il Toro Lautaro Martinez ma il torello cileno Alexis Sanchez, il vecchio ragazzo meraviglia (32 anni), deludente.

La coppia Lukaku-Lautaro vale 36 gol, Lukaku-Sanchez 27. Ma largentino sembra in calo ed attratto dal Barcellona. Sfolgorante, poi, la panchina dellInter (Lautaro, Moses, Young, Eriksen, Skriniar).

Nel Napoli, Hysaj sulla destra della difesa, Elmas (a sinistra, Zielinski a destra) e non Fabian Ruiz, rientro di Demme, Milik centravanti per la squalifica di Mertens, Politano e Insigne sugli esterni.

Conte sceglie una formazione robusta con Barella, Bastoni, Biraghi, Brozovic. Ha il dente avvelenato col Napoli (In Coppa Italia meritavamo di passare noi) e deve difendere il secondo posto dagli assalti dellAtalanta (rilanciatasi a Parma 2-1) e della Lazio.

Saettanti linizio e la nuova maglia dellInter col Napoli contratto nel 4-5-1, Insigne in contropiede libera la squadra dalla morsa nerazzurra. LInter insiste e trova subito il gol con DAmbrosio tutto solo a battere Meret (11). Difesa addormentata sul giro-palla dellInter.

Due ottimi palloni scodellati da Insigne nellarea milanese sembrano tenere il Napoli a galla che inizia a portarsi nella met campo interista. Fuori dun soffio la palla di Insigne (19). Para Handanovic la botta di Zielinski (24) e sventa la conclusione di Politano (30). Poi Candreva salva in corner il tiro di Insigne (36). Il Napoli migliora a vista docchio e lInter soffre in difesa. Il palleggio del Napoli fa correre a vuoto lInter.

proprio un bel Napoli, aggressivo, primo sulle seconde palle e stabilmente nella met campo nerazzurra. Il tempo si chiude con un lampo dellInter: paratona di Meret su Brozovic nel recupero (45+2). Possesso-palla alla pari, due conclusioni in porta per le due squadre (ma il Napoli ha tirato di pi: 7-4).

Dopo lintervallo, lInter sembra ridestarsi cercando maggiormente Lukaku (Koulibaly tiene), ma Sanchez fuori partita e si spegne nelle grinfie di Maksimovic. Il match in pugno ai centrocampisti azzurri. E il Napoli riprende a giocare nella met campo avversaria con un pressing alto.

Dopo unora, Conte infila Lautaro Martinez per Sanchez e Godin per Candreva alla ricerca del raddoppio. Ma Elmas (64 a fil di palo) a sfiorare il gol. Cambia anche Gattuso (65): Allan per Zielinski e Ghoulam (subito bel cross) per Mario Rui. Conte aggiunge Young per Biraghi (79). Nel Napoli, Lozano per Politano (75).

Il Napoli, molto pi in palla dellInter, meriterebbe il pareggio, ma bisogna buttarla dentro (eterno problema). E, allora, Lautaro che parte e la mette dentro da fuori area (74). andata. Due a zero per lInter che mantiene il secondo posto un punto avanti allAtalanta. S rivisto Malcuit (84 per Hysaj), dentro Callejon per leterno, impalpabile Milik (84).

La sconfitta del Napoli era un po nellaria e nelle preferenze dei bookmakers. LInter di Conte (primo anno nerazzurro di Conte), affamata del secondo posto, miglior piazzamento interista dai giorni lontani del triplete, non poteva fallire.

LInter unapprossimativa macchina da guerra, che procede a sussulti. Il suo gioco esplode a sprazzi e trova quei goleador occasionali (difensori e centrocampisti) che il Napoli fatica a innescare. Dopo la sosta, sei centrocampisti con 10 gol (Young, Borja Valero, Biraghi, Gagliardini, Eriksen, Candreva) e quattro difensori con 5 reti (Bastoni, de Vrij, DAmbrosio, Godin) hanno sostenuto il bottino nerazzurro. Ieri, DAmbrosio ancora a segno.

Nel Napoli due centrocampisti con 3 gol (Callejon, Allan) e tre difensori con 5 gol (Di Lorenzo, Manolas, Hysaj) sono andati a bersaglio.

Ma c voluto Lautaro Martinez per mettere al sicuro il risultato. Cifre finali: possesso-palla in leggero favore del Napoli (51-46), 548 passaggi completati dagli azzurri (384 dellInter), tiri 8-6 per il Napoli (2-5 nello specchio).

VENDETTA
Si chiamava Ambrosiana-Inter e vinse il primo campionato a girone unico (1929-30). Era lo squadrone di Giuseppe Meazza. La prima volta che il Napoli sal a Milano becc 2-1, la seconda volta ancora 2-1, con leterno duello tra Sallustro e Meazza, i centravanti rivali, la terza volta fu un cappotto: 6-1. Alla quarta volta (25 giugno 1933), ultima giornata di campionato, il Napoli di Garbutt finalmente si vendic e batt lAmbrosiana 5-3 sul suo campo. Firmarono il clamoroso successo Vojak (doppietta), Sallustro, Gravisi e Ferraris II. Il Napoli gioc con Marietti; Vincenzi, Innocenti; Colombari, Buscaglia, Boltri; Benatti, Vojak, Sallustro, Gravisi, Ferraris II. Quel Napoli si piazz terzo, dietro lAmbrosiana.

PETISSO
Bruno Pesaola, con un gran diagonale dalla sua posizione di ala sinistra, sigl il memorabile gol dell1-0 a San Siro contro lInter (5 gennaio 1958) infilando lincrocio dei pali della porta di Matteucci. Era lInter di Angelillo. Quel Napoli fu quarto, lInter undicesima. Limmagine del gol del petisso fu per anni la sigla televisiva della Domenica sportiva.

SAN SIRO
Vietato vincere a San Siro, appena nove i successi del Napoli sul campo dellInter in 74 confronti. Due le vittorie nellepoca De Laurentiis: il 3-0 dell1 ottobre 2011 con gol di Campagnaro, Maggio e Hamsik; l1-0 del 30 aprile 2017, gol di Callejon.

DOUBLE FACE
Alla terza partita di Gattuso sulla panchina del Napoli, lInter piazz un perentorio 3-1 al San Paolo (Lukaku doppietta e Lautaro) fra le cinque sconfitte nelle prime otto partite di Ringhio che si prese la rivincita in Coppa Italia eliminando i milanesi in semifinale.
Capolavoro tattico a San Siro il 12 febbraio e 1-0 di Fabian Ruiz, pareggio al San Paolo il 13 giugno (Eriksen e Mertens). A Milano, il 4-5-1 azzurro disarm la squadra di Conte. Gattuso schier: Ospina; Di Lorenzo, Manolas, Maksimovic, Mario Rui; Callejon (78 Politano), Fabian Ruiz, Demme, Zielinski (82 Allan), Elmas; Mertens (73 Milik).

EUROPA LEAGUE
Non ci sar nella prossima Europa League il confronto tra il Napoli di Gattuso e lEverton di Ancelotti. La squadra inglese, due punti nelle ultime sei partite, ha fallito la qualificazione europea piazzandosi dodicesima nella Premier appena conclusa, a dieci punti dalla zona Europa League. Nellultima partita di campionato, lEverton si squagliato sul suo campo contro il Bournemouth retrocesso (1-3). Con lEverton Ancelotti ha realizzato 30 punti in venti partite (8 vittorie, 6 pareggi, 6 sconfitte).

INTER-NAPOLI 2-0 (1-0)

NAPOLI (4-3-3)
: Meret; Hysaj (84Malcuit), Maksimovic, Koulibaly, Mario Rui (65 Ghoulam); Elmas, Demme, Zielinski (65 Allan); Politano (75 Lozano), Milik (84 Callejon), Insigne.

INTER (3-4-1-2): Handanovic; DAmbrosio, De Vrij, Bastoni; Candreva (60 Godin), Brozovic, Barella, Biraghi (79 Young); Borja Valero (88 Eriksen); Lukaku (88 Moses), Sanchez (60 Lautaro).

ARBITRO: Valeri (Roma).

RETI: 11 DAmbrosio, 74 Lautaro Martinez.

29/7/2020
RICERCA ARTICOLI