Calcio
Torna alla ricerca
Il Napoli crolla nella ripresa
di Mimmo Carratelli
Il Napoli resiste un tempo, nel secondo confronto col Barcellona, poi cede di schianto in un quarto dora a inizio di ripresa (0-4). I primi due gol del Bara sono per viziati da fuorigioco non rilevato dallarbitro americano Vazquez.

S giocato al Michigan Stadium di Ann Arbor, 109mila posti, uno degli stadi pi gradi al mondo. Il Barcellona sempre privo di Messi. Nel Napoli fa il debutto stagionale Allan.

Il Barcellona, che aveva vinto anche la prima partita (2-1 a Miami), si aggiudica la Coppa Liga-Serie A.

Senza Koulibaly e Ounas, con Milik fuori per un risentimento muscolare, Ancelotti schiera la squadra con un 4-4-2 di partenza e accenni di 4-2-3-1 nella ripresa.

Il Napoli mancato totalmente in attacco. Troppo leggeri Mertens e Verdi, poi anche Insigne non ha inciso quando entrato in campo. Il bilancio del match di 15 tiri a 7 per il Barcellona (9-0 nello specchio della porta). Gli azzurri non hanno mai impegnato Ter Stegen.

Nel 4-4-2 di partenza, Ancelotti schiera Elmas quarto a sinistra, con Callejon a destra, in mezzo Allan e Fabian Ruiz. Evanescenti le due punte Verdi e Mertens. La difesa del Barcellona, guidata da Piqu, concede nulla.

Il Napoli, a fine primo tempo, sfiora la sorpresa, ma Fabian Ruiz manca il gol del vantaggio.

Contro la danza del Barcellona, Dembel scatenato a destra, Jordi Alba in costante proiezione offensiva a sinistra, il Napoli si difende spesso in affanno. Manolas deve sfoderare una gran partita (nel primo tempo) e anche Allan deve prodigarsi contro la superiorit del Barcellona che ha in campo molti dei suoi assi: De Jong, Griezman, Dembel, Suarez. Nella ripresa entrano Coutinho per Griezman e Rafinha per Suarez e i nuovi entrati hanno pi voglia e grinta.

Il Napoli riesce ad entrare in partita dopo venti minuti di sofferenza, ma spuntato in attacco. Crolla nella ripresa col Barcellona che accelera e passa avvantaggiato dalle sviste arbitrali. In realt, nel secondo tempo lesibizione del Barcellona stata schiacciante, favorita dai ripetuti errori in appoggio degli azzurri, incapaci di replicare al dominio catalano.

La formazione schierata inizialmente da Ancelotti non parsa la migliore possibile senza Insigne, con Elmas confinato sulla fascia sinistra e Fabian Ruiz di poco peso, confusionaro.

Per venti minuti, il palleggio insistito del Barcellona fa girare a vuoto il Napoli. Possesso-palla totale per i catalani, imprecisi per sullultimo passaggio. Sfugge il gol a Griezman che, da buona posizione, conclude di poco a lato (14).

Nel periodo del netto predominio del Bara, una puntata di Ghoulam (6 tiro alto) interrompe il monologo catalano. lunica replica del Napoli.

Manolas non deve badare solo a Suarez. Si fa in quattro per arginare le avanzate danzanti della squadra di Valverde. Hysaj in difficolt sulle discese di Jordi Alba. Sullaltro lato, Dembel fa un gran gioco ed sempre pericoloso. In tono minore Griezman. De Jong conferma la sua classe.

Dopo venti minuti, il Napoli entra in partita. Migliora nel pressing, ha pi coraggio, apre il gioco verso Ghoulam con le sventagliate profonde di Allan. Pungono poco Verdi e Mertens (sempre ben piazzata la difesa spagnola in cui giganteggia Piqu). Fabian Ruiz si sacrifica su De Jong.

Il Napoli sembra avere gambe pesanti. Il Barcellona ha una condizione fisica migliore. Venerd inizia la Liga, il campionato italiano prender il via fra tredici giorni.

Gli azzurri alzano il pressing e il Bara meno brillante. Allan sale di tono. Mura in area un tiro-gol di Dembel (35). Poi entra in scena Meret. Prima inchioda a terra la conclusione di Dembel (41), poi sventa il tiro-gol di Suarez (44).

Il Barcellona viene inchiodato sullo 0-0 e, nel finale di tempo, il suo possesso-palla cala. In chiusura della prima frazione, il Napoli fallisce il vantaggio. Fabian Ruiz manca la deviazione sotto porta sul lancio lungo di Verdi (45). Il Napoli, nei primi 45, non ha fatto un solo tiro in porta. Non ne far neanche nella ripresa.

possibile che i cambi effettuati da Ancelotti a inizio del secondo tempo deconcentrino la squadra azzurra (46 Insigne per Elmas, Zielinsi per Allan, Luperto per Chiriches). Fatto sta che il Barcellona dilaga improvvisamente.

Ma, come s detto, i primi due gol dei catalani sono viziati da fuori-gioco. in offside evidente Griezman sul gol del vantaggio di Suarez. in offside millimetrico Jordi Alba che fa lassist per il raddoppio di Griezman.

Sul primo gol del Bara, Griezman in fuorigioco lampante impegna Meret che respinge e Suarez realizza (48). S detto delloffside di Jordi Alba che serve a Griezman la palla del raddoppio (56). Vengono poi i colpi di Suarez (58) e Dembel (63). In un quarto dora, il Barcellona polverizza il Napoli. Non c pi partita.

Gli azzurri si regalano qualche inutile fiammata, mai impegnando Ter Stegen. In campo anche Di Lorenzo per Hysaj e Mario Rui per Ghoulam (62), poi Gaetano per Verdi (66).

Sono sei i cambi degli spagnoli nella ripresa quando ormai non c pi partita. Meret, dopo la prodigiosa parata a fine primo tempo, evita un altro gol degli spagnoli con una prodezza su Rafinha (76).

BARCELLONA-NAPOLI 4-0 (0-0)

NAPOLI (4-4-2): Meret; Hysaj (62 Di Lorenzo), Manolas, Chiriches (46 Luperto), Ghoulam (62 Mario Rui); Callejon, Allan (46 Zielinski), Fabian Ruiz, Elmas (46 Insigne); Verdi (66 Gaetano), Mertens.

BARCELLONA (4-3-3): Ter Stegen; Semedo (66 Umtiti), Piqu (66 Vidal), Langlet, Jordi Alba; Sergi Roberto, De Jong, Alen (66 Arthur); Dembel (75 Abel Ruiz), Suarez (66 Rafinha), Griezman (66 Coutinho).

ARBITRO: Vazquez (Usa).

RETI: 48 Suarez, 56 Griezman, 58 Suarez, 63 Dembel.


Photo: Rick Osentoski-USA TODAY Sports
11/8/2019
RICERCA ARTICOLI