Contatta napoli.com con skype

Attualita'
Cosa fare per vivere
di Vincenzo Cicala
Lo sviluppo al quale si è arrivati - scientifico e tecnologico - ha recato notevoli vantaggi. È necessaria però un’azione che consenta all'uomo di ricavare vantaggio da un progresso che non sia contemporaneamente pericoloso ed alteri la produzione sul terreno, rendendolo diverso e difficile rispetto alla semplice e pura coltivazione.

Si deve considerare che può verificarsi una lesione dell'ambiente nel quale si vive e si coltiva nella normale e semplice abitudine.

In effetti può avvenire la diffusione nell'atmosfera di particelle radioattive, di polveri nocive che inducono malori piccoli ma rilevanti.

Si osserva inoltre che spesso polveri minute e radioattive recano danno non solo alle piante ma anche alla produzione di una terra naturalmente fertile.

Si verifica spesso la modifica della composizione dell'atmosfera per natura semplice favoritrice di fertilità pura. Capita anche che l'alterazione dell'areazione rechi danno all'albero fiorito.

Quanto finora riportato rientra nei problemi fondamentali di oggi, specialmente la variazione dell'alimentazione dell'albero.

Si pone pertanto la necessità di constatare i danni provocati e di ridurre l'alterazione dell'atmosfera, del respiro dell'uomo. In quanti casi l'inquinamento dell'aria provoca malattie.

L'alterazione dell'atmosfera in alcune città - o zone ad esse vicine - incrementa il persistere normale di problemi sanitari e malattie.

Sanitariamente in alcune zone dello stivale si notano una maggiore diffusione ed il peggioramento di malesseri.

Vi sono problemi fondamentali della vita di oggi, ma è necessario non violare i caratteri distintivi del problema di vivere. Bisogna per questo ottenere la globalità, tutti hanno interesse a risolvere determinati problemi.

Altro carattere distintivo del problema di vivere è la perentorietà, cioè il fatto che la soluzione dei problemi della vita è di interesse generale e non rimandabile.

Un esempio lampante è la percentuale di gas nocivi presenti nell'atmosfera cittadina. La soluzione è necessaria, questi problemi hanno carattere di universalità.

I sistemi di comunicazione recano il continuo aggiornamento dei dati che incidono direttamente sull'organizzazione della vita sociale.

I problemi sono globali e per essi c'è l'annullamento dei confini. Si tratta di garantire sotto ogni latitudine le condizioni per l'esistenza.

Dalle miserie estreme hanno origine le grandi migrazioni. Si fermeranno solo quando le condizioni primarie di alimentazione, di abitabilità, di sanità, sui luoghi di origine saranno soddisfatte.

Una condizione per la pace.
17/5/2017
RICERCA ARTICOLI