Contatta napoli.com con skype

Attualita'
Una pagina indecorosa dietro gli slogan di pace
di Vittorio Del Tufo (da: il Mattino del 21.03.2017)
Napoli, da ieri, è una «città di pace e di giustizia».

Lo ha stabilito il consiglio comunale, approvando una delibera che inserisce nello statuto la «vocazione mediterranea e solidaristica della città».

Dobbiamo essere orgogliosi? Ma sì, gonfiamo pure d’orgoglio i nostri petti. Subito dopo, però, faremmo bene a vergognarci.

Perché nelle stesse ore in cui il consiglio comunale si riempiva la bocca di pace, giustizia, progresso e giustizia sociale, non riteneva di esprimere uno straccio di solidarietà agli agenti rimasti feriti durante gli scontri di Fuorigrotta in occasione del comizio napoletano di Salvini.

E non si è limitato, il consiglio comunale della «città di pace e di giustizia», a bocciare il plauso agli agenti finiti in ospedale; ha anche respinto, con il voto della maggioranza arancione e il decisivo sostegno dei Cinquestelle, l’ordine del giorno con cui si chiedeva la costituzione di parte civile negli eventuali processi a carico dei violenti, firmando così una delle pagine più indecorose della sua storia.

La pace declamata e la violenza non condannata rischiano così di confondersi nell’ennesimo paradosso.

Un paradosso che certamente sfuggirà alla maggioranza che guida la città, impegnata com’è a disegnare virtuosi percorsi rivoluzionari.

D’altra parte, il consiglio comunale di Napoli notoriamente ha sede sulla luna, e ci ha abituati da tempo a esercitarsi sui principi generali dell’universo anziché occuparsi dei problemi concreti, quelli che toccano la carne viva e i nervi scoperti dei cittadini.

Un autentico capolavoro, quello consegnato ieri agli annali: un capolavoro di etica e di politica. I principi scolpiti con inchiostro indelebile nello statuto cittadino - peace and love - sono stati contraddetti in tempo reale dallo schiaffo assestato in pieno viso agli agenti che a Fuorigrotta prendevano le mazzate per garantire al leader della Lega il diritto di parola.

Ma il vero punto non è la pace: questa fa parte, di certo non da ieri, del patrimonio genetico della città.

Il punto è che, oltre gli slogan, c’è il vuoto. E quasi mancano le parole per descrivere quanto lunare, marziano, ma soprattutto distante dalla città sia un consiglio comunale che trova il tempo per occuparsi dell’universo mondo ma non dei problemi dei cittadini, dalla vergogna del trasporto pubblico allo scandalo del welfare negato ai disabili, per fare solo due esempi.

Da quando si è riunito, il consiglio comunale ha affrontato molte questioni di principio. Ben vengano, a patto che non diventino la foglia di fico per nascondere l’inconcludenza dell’azione amministrativa.

Quando sarà il momento di stringere sui nodi veri della città, di recuperare l’agenda dei programmi, dei progetti, delle cose da fare?

Quanto, poi, alla decisione di negare la solidarietà agli agenti feriti negli scontri, e di bocciare la costituzione di parte civile nei procedimenti penali che saranno intrapresi a carico dei responsabili dei tafferugli, è l’etica dei comportamenti, e delle responsabilità, ad arretrare paurosamente.

Certo, la mozione respinta portava la firma di una parte politica, ForzaItalia, e De Magistris sostiene di averla fatta bocciare per scongiurare strumentalizzazioni.

Possiamo anche comprendere questa preoccupazione politica e la stessa necessità, ad essa sottesa, di non firmare un mea culpa pubblico dopo l’avallo alla ribellione di piazza.

Ma il sindaco e la sua maggioranza avevano una possibilità per smarcarsi dall’opposizione, senza negare la solidarietà agli agenti. Magari con una mozione alternativa ma, su quel punto, dello stesso segno.

Sarebbe stata una straordinaria occasione per prendere le distanze davvero dalla violenza, da qualsiasi parte si annidi. E invece è stata un’occasione sprecata, oltre che una pessima figura.
21/3/2017
RICERCA ARTICOLI